Permessi per la partecipazione a concorsi od esami

I permessi per la partecipazione a concorsi od esami sono espressamente previsti per il personale docente ed Ata dagli artt. 15 e 19 del C.C.N.L. 2006-2009 del comparto scuola. In particolare l’art. 15 comma 1 dispone che: “Il dipendente della scuola con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto, sulla base di idonea documentazione anche autocertificata, a permessi retribuiti per i seguenti casi: partecipazione a concorsi od esami gg. 8 complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio“. I permessi sono erogati a domanda da presentarsi al dirigente scolastico da parte del personale docente ed Ata. Si sottolinea che per il personale docente ed Ata assunto a tempo indeterminato i permessi per la partecipazione a concorsi od esami ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio sono interamente retribuiti con  esclusione dei compensi per attività aggiuntive e le indennità di direzione, di lavoro notturno/festivo, di bilinguismo e di trilinguismo.

I permessi di cui sopra quindi non riducono le ferie, sono valutati agli effetti dell’anzianità di servizio, sono interamente retribuiti e, in caso di personale assunto in corso d’anno, non si deve procedere al ricalcolo del numero dei giorni spettanti vista l’assenza di norme contrattuale e di legge espressamente previste in tal senso.

Per quanto riguarda il personale docente ed Ata assunto a tempo determinato l’art. 19, comma 7 del C.C.N.L. 206-2009 dispone che: “Al personale docente, educativo ed Ata assunto a tempo determinato, [….] sono concessi permessi non retribuiti, per la partecipazione a concorsi od esami, nel limite di otto giorni complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio“. Si segnala che questi periodi di permessi non retribuiti interrompono la maturazione dell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.

 

Print Friendly, PDF & Email